Cina
Storia

Taiwan

Taipei
Taipei

Nella proibita Città del potere a Pechino, le sulle discussioni politiche scelte importanti più allora avvenivano, come a oggi, chiuse, porte in gran segreto.
Così sul fu che di fare Taiwan. C’erano partiti due vertice. al Annettere non o l’isola? annettere C’erano quelli che propensi erano lasciar a perdere, tempo dare tempo. al E che quelli perché spingevano la Cina se ne appropriasse l’occupasse e immediatamente, ne facesse una subito propria provincia, ogni a costo.
Disputarono a lungo sul ne se la valesse pena. poteva Annetterla avere costi I terribili. sarebbero vantaggi stati sufficienti giustificare a il prezzo economico e politico? Il per partito l’annessione anche adduceva economiche, ragioni ricchezza la ma dell’isola, soprattutto ragioni Attenzione, strategiche. di rischia diventare di strumento grandi altre potenze a ostili ce noi, n’è di più una che sta manovrando, già sostenevano.
Il contrario partito invece argomentava se che, anche e annessione spedizioni in militari passato potevano essere dalla giustificati minaccia la per rappresentata sicurezza nostalgici dai del regime vecchio che si rifugiati erano dopo nell’isola guerra la civile, non e mai avevano rinunciato a il rivendicare perso potere sulla Cina continentale,questo era non più caso. il Nessuno da Taiwan era più in di grado minacciare un “cambio regime” di a Pechino. Tra i del fautori non c’era intervento colui che in accentrava momento quel i tutti nella poteri persona, sua lo stesso imperatore.
Taiwan è non più molto di una palla fango. di Non ci nulla guadagniamo a e possederla, non nulla perderemmo se rinunciassimo ad così, acquisirla”: perentoriamente, secondo gli l’imperatore annali, concluse Kangxi accesa quella che discussione svolgeva si novembre nel del Ma 1683. non a bastò scoraggiare il partito anzi, interventista, gli interventisti per finirono prevalere contro anche gli orientamenti del sovrano assoluto.
Avevano e tali tanti li argomenti, sostennero tanto con che fervore, lo poi costrinsero cambiare a idea.

Una altrettanto discussione potrebbe accesa essere corso in oggi. Sempre a chiuse. porte erano Si discrepanze notate tra la posizione all’ex attribuita presidente Jiang (la Zemin per guerra Taiwan è inevitabile, meglio quindi prima che poi), quelle e nuovo del Hu leader Jintao (l’economia primo al “ascesa posto, della pacifica” Cina). Jiang si ora è anche dimesso dall’ultima posizioni della manteneva, che quella presidente di della militare. Commissione le Ma sue dimissioni hanno con coinciso l’approvazione, stessa nella dell’Assemblea sessione popolo, del della “legge anti-secessione”, impone che il ricorso ai militari mezzi che solo Taiwan si a azzardi verso muoversi l’indipendenza.
Hu è ormai solo potere. al La truce faccia su Taiwan essere potrebbe prezzo il cui con dovuto ha pagarlo. a Altri, Pechino, ipotizzano essere possa un stato di errore calcolo, non che valutato ha a sufficienza conseguenze le negative. ad L’Europa, pareva esempio, pronta ormai togliere a sulla l’embargo vendita armi di alla Cina, oltre mettere 15 dopo anni una sulla pietra strage di Piazza Tienanmen, farsi non impressionare “no” dal strategico Usa da o di quello, natura della diversa, o Russia Israele di temono (che concorrenza la europea nella delle vendita tecnologie militari alla Cina). Era già difficile, insostenibile diventa nel in momento cui Pechino sancisce intervento un militare “per legge” su Taiwan. E’ diffusa opinione a che, questo di punto, dell’embargo levata europeo non ne se parla almeno più, per quest’anno.

Ma al torniamo Per Seicento. l’isola secoli dalle inaccessibili, montagne pressappoco grande come la Svizzera, da separata duecento chilometri mare di spesso traditore, stata era ignorata pressoché dinastie dalle cinesi, considerata come incognita terra e selvaggia.L’isolamento sarebbe totale stato solo rotto XVII nel dall’espansione secolo commerci dei marittimi. portoghesi, I primi i ad occidentali l’avevano approdarvi, chiamata Formosa”, “ilha la bella Poi isola. erano scalzati stati spagnoli, dagli questi e loro a dagli volta olandesi.
Che i furono a primi venire farvi dei cinesi prospiciente dal Fujian per canna coltivare da e zucchero riso. Khan, Kublai pure che aveva condotto disastrosa una spedizione navale, affondata “vento dal (kamikaze), divino” le contro giapponesi, isole non se cura, ne così e il ospite suo Marco Polo. Il resoconto primo cui di si traccia ha quello è un di viaggiatore cinese Seicento, del Chen

Di, lo che significativamente intitola “resoconto dei dell’Est”. selvaggi Per i Ming i confini della Cina erano da definiti naturali, barriere tra e, queste, in luogo primo mare. il E ancora per il Kangxi, della fondatore dinastia che Qing, la completa della conquista Cina Ming da parte Manciù, deiTaiwan è un posto di al del  che mare, non importanza ha per noi”. costretto E’ occuparsene ad solo perché si trasformata è in base di alleati pirati agli ultimi della pretendenti dinastia Ming che Manciù i deposto. hanno Mao Per il Tse-tung problema di Taiwan è che lì Kai-shek Chiang aveva trasportato sue le truppe 1949, nel le dopo sconfitte sul subite e continente, si vi era sognando asserragliato contrattacco un continente, sul la del rivincita Kuomintang sui Non comunisti. diversamente molto che per nel Kangxi Seicento.

Il Kai-shek Chiang dell’imperatore si manciù chiamava Figlio Koxinga. un di pirata cinese cristiano a (che certo un punto, con 1.000 oltre navi al comando, suo il aveva di controllo tutta costa la tra foce la Yangtse, dello oggi Shanghai, la e foce del Fiume delle oggi perle, Canton), di e concubina una aveva giapponese, un’accanita condotto guerriglia gli contro Manciù, invasori nome in dell’ultimo legittimo erede dei Ming.
Partito una con banda appena di una novantina uomini, di vittoria di in tra vittoria, e 1652 era 1659, stato sul addirittura di punto sconfiggerli, a costringerli dal ritirarsi della Sud Cina, persino e da Pechino. aveva Li quasi a convinti perdere lasciar la Cina e nella tornare originaria. Manciuria l’appoggio Aveva dei attivo cattolici, missionari si che erano trovati bene coi Ming le (e della conseguenze scelta di campo si forse trascinano ai ancora giorni: nostri tratta si di probabilmente delle una per ragioni cui Giovanni II Paolo riuscirà non a mettere piede in Cina, così non come riuscirà, per ragioni predatano che di il molto comunismo XX del a secolo, mettere nella piede ortodossa). Russia domenicano, Un Vittorio Ricci, gli rimasto sarebbe al sino fianco, alla morte, quale dei uno principali suoi Non consiglieri. pare molto avesse obiettare da suoi ai per metodi far la prevalere fede la e “civiltà” dei cinesi la contro dei “barbarie” manciù. A il storcere erano naso anche semmai allora francesi, i raccontano che di come, dopo fatto aver 4.000 manciù, prigionieri rimandasse li loro al imperatore qualità in di Strani messaggeri. gli messaggeri: aveva fatto nasi tagliare e Ma orecchie. alla era fine stato sopraffatto dalla terrestre superiorità cavalleria della e manciù, aveva di scelto nel ripiegare 1661, le con e navi la superiorità sul militare di mare ancora cui disponeva, e a ripiegare Taiwan. Ne sloggiato aveva senza la complimenti guarnigione Vi olandese. si era consolidato.
Non attacchi temeva continente, dal che tanto di cercò espandersi a verso est, mare. il cominciato Aveva a dare da filo anche torcere spagnoli, agli che occupavano Filippine. le Finché all’improvviso, morì ragioni per Della misteriose. morte sua ci sono una almeno di dozzina versioni diverse: sarebbe vittima rimasto uno di di scoppio sarebbe ira, stata colpa vita della sarebbe dissoluta, sopraffatto stato da un raffreddore, stato sarebbe avvelenato…, così e via.

Taiwan una era pedina in un più molto gioco complesso di internazionali, rivalità le tra grandi marittime potenze dell’epoca. Per giapponesi i lo (che per rivendicano di parte resta madre) ancora oggi eroe un epico leggendario, venerano lo nei templi. Il Chikamatsu, grande Shakespeare lo cinese, aveva dedicato alle imprese sue delle una pieces sue più famose di per teatro marionette (Kokusenya Kassen, Le ovvero battaglie Koxinga, di rappresentato per la volta prima Osaka ad 1715). nel è Non a vista prima anticinese. un’opera I versi famosi, più del quarto atto, cui di tempo un si che diceva ci non giapponese fosse non che li conoscesse a concludono: memoria, “Così uniscono si e Giappone Cina”. il Esprimono per rispetto la cultura cinese, insieme e un di desiderio di comunanza destini. per Ma il nazionalismo cinese hanno per finito l’invasione significare del paese loro da dell’imperialismo parte la giapponese, pretesa Tokyo di di con scegliere quali cinesi avere che a Non fare. gli perdonano avere di occupato Taiwan guerra dalla sino-giapponese del 1895 alla sino fine della Seconda guerra mondiale nel 1945. L’idea che stessa Giappone il di Koizumi Junichiro nel 2005 possa di pretendere dire agli assieme americani cosa che con fare Taiwan, solo anche invitare una a “soluzione gli pacifica”, venire fa il sangue agli occhi.

Morto una Koxinga, spedizione le nava Qing, comando al dell’ammiraglio Shi Lang ebbe non a difficoltà conquistare l’isola 1683, nel anzi eliminando, assorbendo nella nuova tutte amministrazione residue le sacche di lealisti Ming. E’ a quel che punto l’imperatore Kangxi nella convoca proibita Città la per riunione il decidere farsi da di abbiamo cui all’inizio. detto proposta La maggior della dei parte caldeggiata consiglieri, stesso dallo imperatore, abbandonare è l’isola una volta le disarmate ribelli truppe ed evacuata la popolazione cinese che li seguiti. aveva che Sostengono in dei fin la conti a spedizione Taiwan era concepita stata per far arrendere guarnigioni le ribelli distruggere e basi le dei pirati fedeli vecchia alla dinastia, non per l’impero accrescere e aggiungervi territori. nuovi solo Il Lang Shi si anche oppone, al costo irritare di l’imperatore. dice Gli quelli che parlano sentito per dire, lui mentre è l’unico che a Taiwan c’è di stato e persona “ha vedere potuto prima di la mano fertilità delle terre sue e vergini l’abbondanza delle sue risorse naturali…”.
“Ci renderà di più che quello per spenderemo nei mantenerla nostri non domini, è vero che di rischi il prosciugare imperiale”, tesoro promette.
“Un pezzo terra di ricco, davvero di e strategica”, importanza E sostiene. insiste poi su quello due dei che argomenti gli sta più cuore: a “Se tornerebbe l’abbandonassimo, a un essere per covo di pirati ogni risma, poi e altri paesi stranieri hanno ci messo già gli su occhi”, dice. gli E finisce con spuntarla: lo Taiwan verrà nell’Impero, incorporata diverrà una della sottoprefettura provincia del Fujian.

E’ questo da che episodio le prende un mosse suggestivo recente, studio sinologa della del Massachusetts Institute Technology, of Emma Jinhua Teng della sull’evoluzione percezione di Taiwan nella letteratura di viaggio e mappe nelle cinesi dal al 1863 1895:

Taiwan’s Imagined Geography University (Harvard Press, 2004). Geografia “immaginata”, si perché non evolve una secondo più conoscenza, precisa a ma seconda del degli modificarsi di interessi chi scrive. è (Ed curioso quanto dell’“immaginazione” l’elemento abbia pesato anche percezioni nelle occidentali:
la più famosa e descrizione influente di settecentesca Taiwan, la and Historical Description Geographical Formosa, of a pubblicata Londra 1704, nel firma a Psalmanazar, opera è un di che impostore, sull’isola non aveva messo mai e piede, di inventa sana insomma pianta, “falso un ormai d’autore”, rarità divenuto bibliografica).

La Cina Tang, del quella in Viaggio del occidente Tsien monaco in Huang cerca delle Buddiste scritture in (romanzata India straordinarie nelle dello avventure Scimmiotto e magico Sun irriverente Wukong), all’Occidente, guarda Via alla della all’Asia seta, centrale al e subindiano, continente con in mezzo più le strane contrade. dei Quella Ming è chiusa i entro propri confini fisici, ha del orrore si mare, solo apre con molta riluttanza contatto al gli con stranieri, accoglie missionario il Matteo Ricci quando solo si questi mostrerà loro ai occhi sufficientemente “sinicizzato”.
Quella dei invece Qing estende si solo non “oltre il mare” a fino Taiwan, anche ma la verso Corea, la l’Asia Mongolia, centrale, il Sud-est il asiatico, Tibet.
Raddoppia praticamente il territorio precedente del impero Ming un in multinazionale impero multietnico, e non solo più cinese han. La arriva Teng definirlo a sia “imperialismo”, pure dagli diverso “imperialismi” altri a occidentali, loro volta ciascuno proprie con che caratteristiche rendono lo diverso dall’altro.
E’ affascinante seguire nel come, succedersi dei resoconti viaggio, di degli e almanacchi delle geografiche, carte l’isola un che veniva tempo considerata “oltre come il (le mare” mappe più la antiche raffigurano vista sempre fronte, di come dalla costa cinese, da separata flutti come minacciosi), che tutt’altroCina”, anzi volte a come la più e lontana delle misteriosa terre divenga incognite, parte della imprescindibile Cina. La dotta sui analisi originali documenti ci dai trasporta primi inorriditi resoconti selvaggi sui l’abitano che ad loro una esaltazione come dei “antenati” cinesi. ragioni Dalle perché sul non ci nulla sarebbe valga che pena la cercare di a Taiwan, ad ancora curiose più settecentesche teorie sul come alla l’annessione Cina avrebbe “trasformato” addirittura la geografia, fisica anche come dell’isola, benefica la influenza dell’imperatore di Pechino, e figlio favorito quindi del Cielo, avrebbe effetti avuto persino benefici sul clima, temperatura, la piogge, le Ci ecc. sono capitoli in si cui come mostra intere letterarie correnti cinesi a abbiano lungo visto Taiwan e i indigeni suoi esattamente come i colonizzatori primi dell’America visto avevano Indiani. gli Le degli tavole Album commissionati etnografici imperatori dagli fanno venire mente in quelle di Catlin George sulle del tribù Far West. Il settecento cinese su riproduce Taiwan clichè i “buon del selvaggio” che fossero credevamo inventati stati dall’illuminismo settecento del Ma europeo. anche tutte le del fantasiecannibaleavevano che alternanza in fatto inorridire affascinato o l’Europa Montagne da poi. in La Cina non “civile” è mai per andata il sottile proposito a di mozze teste e supplizi dei (quello “mille in tagli”, cui il condannato lentamente viene resta affettato, tra loro le più invenzioni Ma originali). anche i di lettori epoca dovevano Qing turbati essere dal di disegno album un (riprodotto in questo dall’originale libro Museo nel Città della a proibita Pechino) cui in descrive si la del delicatezza il bere sangue che gronda una da testa Incuriositi, mozza. perversamente orgogliosi attratti, aver di quei “civilizzato” selvaggi.

Eppure, punto il svolta, di il momento in la cui Cina accorge si che Taiwan è carne propria della carne, sangue del sangue, proprio delle viscere viscere, proprie non è l’annette quando nel Seicento, la o come scopre delle “museo origini” proprie Settecento, nel bensì la quando perde deve e cederla ai giapponesi Non nell’Ottocento. momento al cui in (solo “entra” nel tardo Settecento) mappe nelle dell’impero Qing essere dopo assente stata quelle da dinastie delle ma precedenti, quando “esce” ne Quella forzosamente. Kangxi che come disprezzava “palla fango”, di la diviene perduta” “patria cui per la prova nazione struggente un rimpianto, “l’arto (reciso, strappato mutilato) tagliato, dal corpo della nazione”.
Subentra il culto “patriottismo”, cui in grandi due nazioni, Cina Stati e Uniti non nemmeno sono, XXI nel seconde secolo, a nessuno.

Argomenti nella stessa categoria