Cina
Racconti di viaggio > La nostra Cina

La città proibita

10° giorno - Lunedì 30 agosto 1999

Palazzo Imperiale (Gugong)
Palazzo Imperiale (Gugong)

Se, un con po' di rammarico, constatare dobbiamo essere di vicini ormai conclusione alla di viaggio un interessante straordinariamente ed ci avvincente, confortiamo pensiero al delle monumentali, "perle" e turistiche culturali ancora che attendono ci in questi ultimi del giorni nostro soggiorno in Cina, cominciare a dalla Città celebre per Proibita arrivare non alla famosa meno "Muraglia Cinese". Lasciato puntualmente alle 8,30 ore il nostro bellissimo View Grand Garden Hotel, con la di guida Beniamino che quando a inizia si parlare trasforma una in "mitragliatrice" che parole spara raffica, a e con del l'assistenza nostro ineguagliabile Roberto, buttiamo ci nel grande di traffico Pechino raggiungere per "Città la che Proibita" è appunto meta la dell'odierna principale mattinata. il Durante facciamo tragitto "un - milione" dirla per alla Marco Polo - osservazioni di e di esperienze per che, appesantire non queste ulteriormente risparmiamo pagine, ai pur nostri pazienti Diciamo lettori. soltanto che percorriamo lungo un tratto quella di arteria importante conosciuta pechinese, col di nome Via della Pace Lunga è che 40 lunga chilometri che e in taglia due l'intera capitale cinese. il Parcheggiato nei pullman pressi di Piazza Tienanmen, avviamo ci a verso piedi l'ingresso riservato ai della visitatori Purpurea Città dopo aver costeggiato tratto un di alte e mura di intravisto aver un pittoresco di labirinto case vecchie uniforme di grigio colore ai che, nostri smarriti occhi increduli, ed suscitano l'immagine delle "scatole famose cinesi". Dopo una sosta breve davanti Porta alla Meridiana, in attualmente fase di restauro, quale dalla gli Imperatori calavano di su cestino un forma a fenice di le leggi le e che prescrizioni dovevano subito essere trasmesse ogni in angolo della Cina, ci fermiamo ad davanti una tavola l'intera raffigurante Città dove Imperiale Roberto ci fornisce interessanti delle spiegazioni alla relative sua storia e sua alla Veniamo struttura. a così sapere questo che complesso enorme iniziato venne nei anno primi del 1400 da imperatore un dinastia della Ming dopo che, aver sconfitto militarmente Mongoli, i trasportò la da capitale Nanchino a Pechino. la Per realizzazione di Città questa riservata esclusivamente all'imperatore a e altre poche del persone "entourage", suo coinvolti furono di centinaia migliaia di in lavoratori che lavori durarono 14 ben In anni. questo ambiente inaccessibile per regnarono circa anni 500 imperatori, ventiquattro considerati "I Figli Cielo", del appartenenti ultime alle dinastie: due i Ming i ed Qing. al Fino 191 , quando potere il tolto fu all'ultimo come imperatore, ce bene lo ha descritto regista il Bertolucci film nell'omonimo interamente girato questi in qui siti, Imperatori gli vissero lusso, nel in a mezzo favolosi, tesori da circondati una che, corte l'imperatore, dopo in ordine comprendeva: gerarchico, le i concubine, gli principi, le eunuchi, di favorite i corte, sacerdoti i ed Attualmente ministri. gli sono interni per più lo spogli gran perché parte immensi degli tesori ammassati questi in furono padiglioni razziati dispersi e il durante periodo turbinoso che storico la seguì caduta del Impero. Celeste Durante la visita Città della Proibita, è che certamente più il significativo dell'architettura esempio cinese, ci rendiamo della conto differenza enorme esistente la se in mettiamo confronto con altra qualsiasi reggia nostra della Qui, Europa. uno in vastissimo spazio di - cortili, nome il di città è mai quanto appropriato - allineati sono con rigorosa tre simmetria edifici grandi a pubblici, cui seguono, una con ben ritmata di alternanza pause di e i portali, privati palazzi i ed giardini. domina Ovunque semplicità, la delle l'uniformità e strutture la delle purezza linee architettoniche: questo eppure ambiente esercita ciascuno in noi di così una ed forte emozione indicibile spesso che interroghiamo ci vicenda a accertarci per di non ad sognare occhi Condensiamo aperti. un in di elenco ambienti dai poetici nomi l'itinerario che seguiamo la durante indimenticabile nostra oltrepassato visita: Ruscello il d'Acqua d'Oro, alla eccoci della Porta Suprema dalla Armonia quale vedono si uno allineati dopo i l'altro palazzi tre cerimonie delle e pubbliche la precisamente: della Sala Suprema Armonia, Sala la della Perfetta e Armonia Sala la Conservazione della dell'Armonia. I palazzi tre sempre privati, disposti sullo stesso portano asse, i invece seguenti Palazzo nomi: Purezza della Sala Celeste, dell'Unione e della Palazzo Tranquillità Terrena. Dopo rilassante una nel passeggiata e tranquillo ben Giardino ombreggiato Imperiale, verso 11,45 le da usciamo questa affascinante Città attraverso Purpurea la massiccia Porta Divino. dell'Orgoglio Nell'attraversare una in piazza, fondo quale alla aspetta ci nostro il avvertiamo pullman, che il sole ma scotta l'aria che è respirabile secca e e il che totalmente cielo, sgombro nubi, di una presenta colorazione intensa azzurra a che Pechino, ci come le dicono nostre è Guide, tipica delle giornate sue belle più e luminose.

NELL'IMPERIALE PALAZZO D'ESTATE

Un altro per trasferimento trafficate le vie centro del ci poco porta mezzogiorno dopo ristorante al Friedship del Hotel, un colossale sormontato edificio da un tradizionale tetto cinese lucenti con verdi. tegole Concluso soddisfazione con generale questo anche infarcito pranzo tante da e gustose della specialità cucina cinese, frapporre senza puntiamo indugio, il verso Palazzo d'Estate, ci che sembra posto il per ideale un rilassarci po' dopo la impegnativa nostra mattinata visite. di Delle felice e posizione del clima di confortevole questo se luogo erano ne conto resi gli che, imperatori primi nei anni 1700, del incarico diedero un ad italiano gesuita costruire, di in al riva Kung lago Ming, un Palazzo d'Estate all'europea, la capovolgendo contemporanea moda sovrani dei che europei loro nelle regge fastose avere volevano almeno un salottino in arredato stile cinese. avviene Come per tutti i in turisti lotta tempo, col noi anche visitiamo non prima questa anche costruzione fu perché ridotta ad ammasso un rovine di nell '866 dalle anglo-francesi; truppe compenso in ci soffermiamo in luogo quell'ideale dello e svago della che contemplazione terribile la Tzu dopo Hsi, rimasta essere eresse "vedova", nel 1888 per personale suo diletto. una Dopo sosta nei padiglioni sorgono che al attorno laghetto romantico delle raggiungiamo ninfee, riva la lago del fare per una passeggiata lunga all'interno galleria della coperta, di tutta e legno completamente decorata pitture con fiori raffiguranti e paesaggi cinesi, ci che alla porta nave celebre di pietra con quale la l'infelice Hsi, Tzu non perso il solo marito anche ma il... della lume era ragione: convinta di sconfiggere poter la flotta nemica giapponese. un Da vicino imbarcadero, saliamo bordo a un di barcone grottesco a di forma con drago il compiamo quale bel un giro sul Kun lago Ming. è Incantevole scenario lo che godiamo al spingendoci largo: nostra alla sinistra possiamo infatti ammirare Collina la della sulla Longevità, si quale una erge pagoda suggestiva buddista, a piani, quattro almeno alta cinquantina una di metri, alla mentre destra nostra un'isola scorgiamo ammantata di secolari alberi e alla congiunta da terraferma lungo un a ponte schiena d'asino da sorretto suggestiva una serie di arcate si che nelle specchiano acque luminose lago. del A conclusione questa di e serena escursione piacevole in un luogo e rilassante il nome cui in cinese "Giardino significa dove si coltiva riprendiamo l'Armonia", nostri i posti pullman sul puntare per verso vicino un laboratorio nel esperti quale e artigiani lavorano orafi perle le varie di dimensioni per dei farne monili che molto piacciono anche alle nostre E signore. loro mentre si dilettano a collane provare orecchini, ed mariti i siedono in disparte, di cercando prevenire le conseguenze qualche di forte con emozione una buona tazza di cinese. in Arriviamo verso albergo ore le e 18 qui un abbiamo margine ampio di tempo per libero rimetterci in ordine per e le scrivere ultime ad cartoline e amici prima parenti ritrovarci di nel ristorante per consueta la abbuffata di serale della specialità cucina Al internazionale. della termine festeggiamo cena con torta una con e le candeline tradizionali il compleanno del signor per Bartolomeo, amici gli Gino. per Poi, chi desidera, lo una in saletta in riservata, anteprima c'è mondiale, la del proiezione girato filmato, da una simpatica ragazza cinese, con infiniti gli di gesti saluto che i veronesi turisti rivolgono alla telecamera passano mentre vari nei monumentali ambienti finora loro da visitati nella capitale cinese

Argomenti nella stessa categoria