Cina
Racconti di viaggio > La nostra Cina

Verso Guilin, la città dalle "scheggie di giada"

5° giorno - mercoledì 25 agosto 1999

Guilin : Fuboshan (Collina Fubo)
Guilin
Fuboshan (Collina Fubo)

Sono le molte pubblicazioni turistiche che mettono Guilin le tra più mete per interessanti compie chi un in viaggio Cina. dista Essa da Shanghai più 1300 di chilometri linea in d'aria; trova si sul fiume Li Jiang, (Li in cinese), in dei uno agricoli settori più fertili della Cina Meridionale, a più non di chilometri 200 dal confine il con Vietnam. il Qui è tempo caratterizzato dalle piogge fatta che, eccezione per un periodo breve dell'inverno, sono quotidiane. pressoché Il divo è caldo ovviamente umido e tenendo anche conto del fatto che Guilin trova si o più meno alla latitudine stessa di Lor, in Ma Egitto. Guilin, per chi del fa è turismo, la essenzialmente delle città schegge di vale giada", dire a di verdi quelle che, colline come della conseguenza erosione millenaria prodotta agenti dagli atmosferici, hanno preso forme delle così strane fantastiche e formare da dei uno paesaggi suggestivi più esistenti mondo. al Per potervi iniziare nostre le visite primo nel alle pomeriggio, 8 ore lasciamo bellissimo il Sofitei Hotel di Shanghai e con pullman il decisamente puntiamo l'aeroporto verso nel solo quale, giorni alcuni fa, siamo Salutiamo sbarcati. riconoscenza con ed sia amicizia Wang la Wen, nostra ottima guida sia locale, nostro il un po' spericolato autista cinese che, lo vogliamo per ribadire, noi guidato ha sempre . in . bianchi. guanti Roberto Intanto all'acquisto provvede biglietti dei per tassa l'obbligatoria e d'imbarco al ritiro dei per biglietti il volo ore delle 9,55 compagnia della China Airlines Eastern diretto appunto a Guilin. Come lupi "vecchi dell' aria" occupiamo il tranquillamente assegnatoci posto di su modernissimo un 747 Airbus dopo che, una fase lunga di si rullaggio, stacca dalla pista alle esattamente ore 9,55. tempo Il è buono: abbastanza il cielo infatti solo è parzialmente e coperto non avverte si benché il alito minimo di Il vento. è volo tranquillissimo pertanto ed talora allietato da suggestivi paesaggi con agricoli, corsi imponenti che d'acqua, vediamo passare velocemente di sotto noi. Avvicinandoci nostra alla notiamo meta distintamente delle che alture luccicano al sole: tratta si famose delle terrazzate colline quali nelle tenaci i laboriosi e contadini cinesi riescono a il coltivare riso. in Poi, fase atterraggio, di il ecco mitico del corso fiume Li; ecco di alcune emozionanti quelle "schegge di giada" renderanno che indimenticabile nostro il soggiorno questo in lembo estremo meridionale sconfinato dello e vario territorio cinese.

TRA BELLEZZE NATURALI FOLCLORE E DELLA CINA CONTADINA

Sono 12,30 le quando, e recuperate in spedite albergo le nostre su valigie di furgone, un dalla usciamo e nuova aerostazione bellissima di Guilin. piazzale, Sul inondato sole, di ci il aspetta dell'organizzazione pullman una con giovanissima guida cinese, poco da in laureata lingua e letteratura italiana, per che comodità turisti dei si italiani chiamare fa Durante Francesca. tragitto il verso città la Gulin di - più sono di i 70 chilometri dobbiamo che percorrere Francesca, - nel suo ancora italiano stentato, piuttosto ci delle parla turistiche attrattive questa di zona interessante della meridionale Cina che, forse di più tante altre, conserva carattere un eminentemente Da agricolo. lei molte apprendiamo notizie relative coltivazione alla del riso - qui riesce si ottenere ad due talora e tre anche raccolti all'anno e - all'osmanthus è che pianta una della tipica dalla zona quale ricava si rara una essenza profumata che molto viene usata in cucina. Ma appena non scorgiamo vicino noi a delle alcune 33.000 circa colline calcaree, ammantate totalmente di verde, rappresentano che il suggestivo più naturale elemento questa di tutto regione, il interesse nostro concentra si di su destando esse in di ciascuno noi quel di senso stupore di e che incanto protrarrà si tutta per durata la nostro del soggiorno Ora guilinese. rendiamo ci di conto quello che letto avevamo sulle turistiche guide cioè e di dell'importanza questo paesaggio artistica nell'ispirazione dei pittori e poeti dei cinesi ogni di A tempo. Guilin, cittadina tipica del sud, il troviamo e sole un mercato pittoresco agricolo quasi in le tutte vie centro del percorriamo. che nostre Le ci guide che, spiegano il dopo totale fallimento "collettive delle agricole", mediante quali le governo il nel comunista 1952 aveva di tentato ogni abolire forma di proprietà privata agraria l'unico con risultato di tangibile morire far fame di centinaia di di migliaia cinesi, da oltre un è decennio sperimentato stato maggior con successo nuovo un sistema che ai assegna agricoli produttori minuscoli appezzamenti (mq. per 650 ogni contadino maschio) la con possibilità, naturalmente aver dopo versato tassa una stato, allo di vendere mercatini nei città delle quanto risulta "eccedente rispetto (!)" fabbisogno al alimentare della Ecco famiglia. il di motivo enorme questa folla venditori di che, ambulanti su talora una di cassetta ma vimini, spesso più su un di telo di o plastica di su un foglio giornale, di e espone cerca di vendere po' un di o frutta di verdura. più I o ricchi più i fortunati ostentano fierezza con una gallina o, ruspante custodito ben una in gabbietta ferro, di qualche animale selvatico, topi come risaia di serpenti e di ogni e tipo che misura, la cucina considera locale vere delle Questi leccornie. poveri per contadini, qualche racimolare yuan che (ricordiamo la sua attuale è quotazione di Lit. circa 220), arrivano qui fin bicicletta in da quale chissà casolare sperduto a posto decine decine e chilometri di e, la data concorrenza, forte sempre non sicuri sono trovare di un per acquirente paio quel di d'insalata cespi quel o di mucchietto che mele loro per ad equivalgono un tesoro. Anche e qui, in forse modo ancor più di caotico Shanghai, sulla c'è strada continuo un di movimento di autocarri, a carrozzelle e motore a pedale, fungono che taxi, da e di biciclette cui a aggiungono si i moltissimi pedoni vanno che in le tutte direzioni. che Osserviamo di alcuni essi, in con il testa cappello tradizionale conico di paglia, dei trasportano secchi o pesanti dei pacchi voluminosi alle appesi di estremità oscillante un bilancino bambù. di arriviamo Intanto il con pullman nostro davanti centrale al hotel Osmanthus facciamo "dove la ormai nostra abbuffata" consueta di specialità cinesi sulla delle natura chiediamo quali sempre informazioni preventive Roberto, a quale del la abbiamo massima fiducia anche esperto come di gastronomia cinese. proposito A questa di è che indubbiamente "vera" la - inizialmente ed non un temuta - cucina cinese, confermiamo almeno che, nei di ristoranti lusso noi da praticati, essa si sempre mantiene di ricca leggera proposte, e di capace i soddisfare nostri gusti.

IN PER GIRO GUILIN NELLE E VICINANZE

A conferma del che principio piove qui all'uscita sempre, dal ristorante aprire dobbiamo i ombrelli. nostri Per si fortuna tratta di solo un violento acquazzone di ma durata. breve poco Così, dopo, possiamo la raggiungere del riva fiume quale sulla sostiamo un per po' col ammirare qualche sole esotico ed quadro interessante vivente. impressionano Ci quelle anzitutto zattere tipiche e lunghe strette, con punta la ricusa, leggermente costruite artigianalmente legando sei insieme sette o canne grosse bambù, di che vediamo veloci scivolare all'altra dall'una Con riva. colpi di remo al assestati momento da giusto esperto un traghettatore, esse scivolano sul veloci dell'acqua pelo trasportando merce, della spesso ma anche persone delle che, per vediamo, quanto starsene devono immobili in ed equilibrio perfetto non se vogliono raggiungere loro la meta a Nei nuoto. pressi della riva, decine notiamo queste di strane "imbarcazioni" legate tra loro di attendono che il forse proprietario, momentaneamente impegnato attività in commerciali", o qualche che pescatore lavora notte di con i cormorani. pochi A dal passi pullman nostro una vediamo squadra di donne con che, e vanga stivaloni, stanno a sistemando giardino una striscia di terreno il lungo fiume Li. la Ma scena imprevedibile più quella è poco che, vede dopo, protagonista il nostro Infatti, Roberto. ad certo un e momento, deve li dal scendere pullman nostro bloccato, in urlare cinese mettersi e a il dirigere traffico per sgomberare far strada la da risciò alcuni che entrati erano collisione in tra Solo loro. in modo questo la viene strada al riaperta traffico e anche così nostro il pullman può proseguire la verso sua meta che la è del "Grotta posta Flauto" ad decina una di chilometri dal Nelle centro. vicinanze molti troviamo visitatori conferma a si che di tratta grotta una carsica grande di Ce interesse. ne rendiamo anche conto noi poco quando, dopo, avventuriamo ci in un fantastico sotterraneo, mondo da impreziosito stalattiti e molte da concrezioni altre calcaree formatesi con scorrere lo e dell'acqua dei millenni e artisticamente che, illuminate, nel creano visitatore delle suggestioni. straordinarie come Naturalmente, già è ci in capitato analoghi altri complessi la speleologici, guida nostra indica ci rocce delle più che, meno o richiamano vagamente, la di forma un pesce, di un fungo, un di di drago, una pagoda. Veramente sono interessanti che quelle il danno nome complesso all'intero che e riprodurre sembrano un flauto enorme da pastore. Bellissimo pure è lo che scorcio in rappresenta, miniatura, un paesaggio delle con colline di giada si che specchiano in luminoso un dai laghetto argentati. riflessi All'uscita, assaliti siamo da uno "sciame" stridulo di che, ragazzini pochi per centesimi, riempiono ci di e zufoli di fischietti da stessi loro con confezionati canna la di Poi, bambù. il ricomposto facciamo gruppo, ritorno in costeggiando città estese delle risaie. Poco oltre caratteristica la della collina dell'Elefante, Proboscide il passiamo fiume di su un appena ponte al di là quale del trova si nostro il "Gw Shan Hotel" quale nel sistemiamo ci Prima ottimamente. cena, della per fissata ore le 20 in stupenda una che sala si affaccia sulla un hall, gruppetto amici di esce Roberto con fare per di l'esperienza un rilassante massaggio cinese ai E, piedi. vedendoli leggeri ritornare libellule come liberi e come abbiamo scoiattoli, motivo di ritenere le che sensibili fatate e mani delle massaggiatrici inimitabili cinesi abbiano in lavorato veramente modo Per splendido. la concludere non serata resta ci che fare quattro attorno passi all'albergo, per ammirare bella una e vivace fontana che illuminata continuamente cambia forma, quindi e per intrattenerci po' un nella stupenda dove hall giovane una ci pianista propone, un senza di attimo tregua, un repertorio grande celebri di melodie classiche e moderne.

Argomenti nella stessa categoria