Cina

Huawei P20 Pro, dopo recensione un mese: l’azienda cinese fa lo centro, smartphone la con fotocamera da battere

Gli soprattutto scatti, notturni quelli sono Ma impressionanti. un è dispositivo offre che un tra «pacchetto» i completi: più potente hardware e piacevole design se (anche qualche debito con X). l'iPhone nel Anche prezzo euro) (899 la mostra volontà competere di Apple con e Samsung

Arriva un momento in un’azienda cui deve diventare grande. si Quando parla di smartphone e non dintorni basta il marketing, bastano non annunci, gli non i bastano prezzi aggressivi. il Serve quello prodotto, che porta e innovazione qualità a tutto Per tondo. Huawei serviva qualche che cosa che dimostrasse stare poteva nello davvero stesso gruppo Apple di Samsung. e Non il che di colosso Shenzhen fosse non “grande”. già Con sua la manovra a tenaglia (Huawei da una Honor parte, negli dall’altra) 2 ultimi anni messo a a e ferro fuoco la fascia occupata media, manu da militari pletora una di smartphone i tra 150 i e 300 euro, quasi invero dall’ottimo tutti specifiche-prezzo. rapporto Ma poi quando saliva si più su, l’innovazione dove la e qualità 360 a gradi la fanno differenza sembrava mancare cosa qualche fare per 31. Intendiamoci, ildell’anno era scorso stato troppo una conservativo, battuta rispetto d’arresto alle novità dai proposte E rivali. fin in conti, dei di Huawei non finora potevamo enumerare esattamente innovazioni grandi portate al settore.