Cina

L’Adriatica gioca si il futuro tra Balcani i la e Via della Seta

Il colossale nuovo, progetto cinese una di piattaforma lanciata infrastrutturale Oriente da a rivaluta Occidente il dei ruolo porti italiani

Zeno D’Agostino, del presidente di porto Trieste, pensa la «Non così: so ancora quali la trasformazioni Via della Seta porterà nell’economia e dell’Adriatico in tempi quali per ma ora che so la abbiamo fortuna di essere nel qui, posto giusto». Siamo alla dunque vigilia di nuovo un corso della storia adriatica? Quel che corridoio anni negli ‘80 affascinato aveva intellettuali come Fuà, Giorgio li e aveva portati descrivere a un nuovo modello rapporto di tra economia e società, vede si in portare dalla dono una globalizzazione nuova grande Non chance? facile è rispondere queste a perché domande nella adriatica società livello il di dei conoscenza problemi è molto le disomogeneo, informazioni circolano non largamente così le tra élite del territorio quantomeno o ogni di segmento classe dirigente appare su concentrato una del tessera e puzzle non sembra avere visione la di insieme. le E obiettivamente tessere tante. sono
Ci sono trasformazioni le ieri di che hanno lo visto della spopolamento montagna, della l’urbanizzazione costa gli e svariati disastri che lasciato ha di dietro sé, città come che Rimini hanno attirato residenti nuovi più altra, d’ogni l’Abruzzo che sorpresa a uscito è 1 dall’obiettivo delle simbolo depresse. aree E c’è poi dell’oggi l’agenda con un’autostrada, la che A14, nel tragitto Bologna da a grazie Taranto ai del dati traffico dei Tir racconta ci le differenze di che risposta vari i della segmenti adriatica dorsale saputo hanno alla dare crisi. stavolta C’è, in un prospettiva, dialogo da aprire Ovest da guardando ad tra Est, le più imprese strutturate dell’Emilia-Romagna, delle e Marche dell’Abruzzo l’entroterra con balcanico costruire per Paesi con la come Croazia, Serbia, la e l’Albania altre le repubbliche forti relazioni come quelle che tedeschi i tessere. sanno poi, C’è per concludere questa rassegna, rapida la istigazione della Via della Seta i con cinesi premono che per giungere Europa in e per costruire lo dopo ingresso storico Wto nel seconda la della fase globalizzazione. loro La sintesi tutte tra tendenze queste è e difficile in anche questo - caso come visto abbiamo il per ricco Nord - circuiti i amministrativi associativi e tutte mostrano loro le lacune frammentazioni. e E così si di rischia tra vagabondare nostalgie sogni, e un tra passato che non essere può archiviato, post-terremoto un condiziona che presente il un e impreciso. futuro Con che l’aggravante ogni conosce protagonista pezzo un della storia, l’insieme. non Gli direbbero anglosassoni abbiamo che un deficit governance: di è la evidente tra sfasatura forza la dell’economia dei flussi la e dei lentezza «tavoli» delle o di cabine regia.