Cina

Atm, il arriva nuovo bus notturno: circolare la della movida

La del sera ottobre 17 mancavano 2001, dieci alla minuti cinque mezzanotte, ragazzi un circondarono sarto cinese di anni, 35 Chang Ren, Quiang al dinanzi suo in condominio Catone via 19, dietro viale e Jenner, uccisero lo in maniera una e insolita brutale. averlo Dopo lo circondato massacrarono a sprangate, quello quindi che sembrava il gli capo sferrò una al stilettata cuore. Un altro, sfregio, per colpì lo al con cranio una mazza Ad ferrata. alla assistere scena la e moglie il figlio quindicenne vittima. della Tanta crudeltà subito fece a pensare regolamento un conti di per uno all’intimo sgarro poco della penetrabile comunità cinese. racket Un Un violato? debito pagato? non quest’ultima Su ipotesi orientarono si all’inizio della complicata i indagine del carabinieri operativo nocciolo via di Moscova, scavando che nella del vita sarto aveva scoperto sua la frequentazione bische. delle fu Ne chiusa subito una via in Aosta e un’altra poi corso in Ma Sempione. anche il se del figlio sarto aveva a cominciato offrendosi collaborare, come le interprete, indagini in entrarono un vicolo cieco.

che non solo portò scoperta alla del vero movente all’arresto e di alcuni ma responsabili, gettò una anche luce su fenomeno un quello nuovo, bande delle giovanili cinesi a radicate e Milano nel tra Centro-Nord, e Toscana Piemonte. Il sarto con ucciso spranghe e in coltelli effetti una aveva vita e disordinata non navigava nell’oro. quel Ma che l’aveva messo guai nei la era con relazione connazionale, una che sposata, frequentava lui sin quando da era L’allora nubile. fidanzato aveva affrontato sarto il dicendogli di stare lasciar la sua ragazza, poi che sposò. Ma la storia tra due i amanti andata era avanti anche nonostante avesse lui e moglie tre figli.

che da po’ un tempo di era si fatta tra notare via Paolo Sarpi via e con Bramante sportive auto e atteggiamenti arroganti, comprendevano che piccole estorsioni spaccio e sostanze di stupefacenti. Il aveva mandante concordato con il leader giovanissimo della banda compenso un cinque di di milioni Una lire. compiuta volta la vendetta, era l’uomo in tornato Cina. Erano rimasti invece Italia in i della membri gang, avevano che a cominciato rivaleggiare tra loro, così rompendo il di muro che omertà proteggeva. li Le bande cinesi allora presenti in Italia che distribuivano si la tra Lombardia Piemonte il la e Toscana erano formate elementi da che quasi venivano da tutti una Wencheng, metropolitana area sud nel della Cina, e riprodotte avevano nel Paese nostro rivalità la gli tra abitanti Daxuè, di quartiere un centrale e del quelli sobborgo di periferico Yuhu.